FANDOM


Uomini contro donne--400x300

Immagine simbolo

La violenza di genere è la violenza perpetrata contro il sesso opposto (basata sul genere), quindi degli uomini contro le donne (e/o le bambine) e delle donne contro gli uomini (e/o i bambini), ed è ritenuta una violazione dei diritti umani [1]. Nell'ottica di questa enciclopedia si riferisce in particolare alla pedofilia eterosessuale (soprattutto per la pedofilia uomo-bambina ma anche per i rari casi di pedofilia donna-bambino) e alla violenza fisica (percosse) operata da un'uomo contro una bambina, nonchè alla violenza fisica operata da una donna contro un bambino (vedi violenza domestica, per esempio il delitto di Cogne).

Varie forme di violenza di genereModifica

Da diverse ricerche emerge che la violenza di genere si esprime su donne e minori in vari modi ed in tutti i paesi del mondo [2][3][4]. Esiste la violenza domestica esercitata soprattutto nell'ambito familiare o nella cerchia di conoscenti, attraverso minacce, maltrattamenti fisici e psicologici, atteggiamenti persecutori, percosse, abusi sessuali, delitti d'onore, uxoricidi [5] passionali o premeditati. I bambini, gli adolescenti, ma in primo luogo le bambine e le ragazze adolescenti sono esposte all'incesto.

In molti paesi le ragazze giovani sono vittime di matrimoni coatti [6], matrimoni riparatori e/o costrette alla schiavitù sessuale [7][8], altre vengono indotte alla prostituzione forzata e/o sono vittime di tratta. Altre forme di violenza sono le mutilazioni genitali femminili [9], le cosidette "dowry death" (morte a causa della dote [10]), l'uso dell'acido per sfigurare [11], lo stupro di guerra [12][13][14] ed etnico [15], il femminicidio [16] che in alcuni paesi, come in India e in Cina, assume l'aspetto dell'aborto selettivo [17][18] (le donne vengono indotte a partorire solo figli maschi, perché più riconosciuti e accettati socialmente), altrove invece si uccidono donne in modo sistematico [19]. Ci sono violenze poco visibili come quelle relative alla salute riproduttiva (aborto, sterilizzazione forzata, contraccezione negata, gravidanza forzata).

Riferimenti e noteModifica

1^ La Conferenza Mondiale sui diritti umani: Dichiarazione di Vienna e Programma d'azione, in particolare al punto 18.

2^ "Can you name 16 forms of gender-based violence?" dal sito United Nations Population Fund (UNFPA)

3^ Pagina del sito dell'AIDOS (Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo) con molti riferimenti e links

4^ "Gender-based violence" dal sito del World Health Organization (WHO)

5^ "Omicidi in famiglia", articolo di Isabella Merzagora Betsos su "Le due città" rivista dell'amministrazione penitenziaria.

6^ "La prigione delle ragazze afghane: schiave, spose forzate, suicide", dal Corrieredellasera.it, 07 febbraio 2009.

7^ The Rome's statute's sexual crimes: an appraisal under the light of international humanitaria law di Tahatiana Flores Acuña (Victims Participation and Reparations Section of the International Criminal Court)in particolare vedere "sexual slavery" pg 197.

8^ Definition of sexual violence, rape and sexual slavery dal sito di "Human Rights Watch".

9^ da Amnesty International: "Mutilazioni Genitali Femminili"

10^ "In India, la dote letale",Maggio 2001, Le Monde Diplomatique -il manifesto.

11^ Interrogazione scritta E-0419/04 di Anna Karamanou, Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, 8.aprile.2004

12^ Amnesty International, Danni collaterali, EGA Editore, Torino, marzo 2006, pp. 32

13^ Intervista a Maria Caterina Ciampi, esperta di discriminazione di genere presso l'UNICEF di Dakar (Senegal)

14^ "Congo, l'inferno nel nostro corpo. La donna è un campo di battaglia. Lo stupro una strategia di guerra",reportage di «io donna» dallo Stato africano dove si combatte da dieci anni,fonte: CorrieredellaSera.it, 06 febbraio 2009.

15^ *Tratto da Non sopportiamo la tortura. A cura di Amnesty International, ed. Rizzoli 2000

16^ Giuristi democratici: "Violenza sulle donne: parliamo di femminicidio"

17^ Vedere anche: IVG in India, IVG in Cina e Amnesty International: "nascere bambine"

18^ "La strage delle innocenti. -India: il governo cerca di combattere l'aborto selettivo, che uccide duemila bambine al giorno " di Elisa Parigi per Peacereporter

19^ Ad esempio: Amnesty International, "Ciudad Juárez: 14 anni di omicidi di donne insoluti"

BibliografiaModifica

  • Patrizia Romito, La violenza di genere su donne e minori, un’introduzione, Milano, Franco Angeli, 2000
  • Judith Lewis Herman, Guarire dal trauma. Affrontare le conseguenze della violenza, dall'abuso domestico al terrorismo, Edizioni Magi, 2005, ISBN 88-7487-148-1
  • Colette Guillaumin, Folie et norme sociale. A propos de l'attentat du 6 décembre 1989, alle pp.143-149 nel volume della stessa autrice Sexe, Race et Pratique du pouvoir. L’idée de Nature, Paris, Côté-femmes, 1992, ASIN 2907883399.

Voci correlate Modifica

Collegamenti esterniModifica

Ricerche, dati e statisticheModifica